Greatest Love – Teatro Sociale di Luino

Recitazione, danza e canto: queste le arti che fondendosi in un continuum di vibrazione, musica ed immagine, daranno vita al nuovo spettacolo dell’associazione “Max Dance” di Barbara Manchiari. Lontano dal cliché del semplice saggio di fine anno, oggi, ciò che questa dinamica realtà propone al suo pubblico è un vero e proprio spettacolo, che, oltre che delle coreografie di Niko Demo e Barbara Menchiari, si avvarrà della regia e della sceneggiatura del poliedrico artista Daniele Piscopo.

Il gruppo, che, attivo sul territorio di Lavena Ponte Tresa da oltre vent’anni, ha saputo rispondere a quanti hanno trovato la loro primaria forma d’espressione nella danza, sarà protagonista nella serata di venerdì 25 maggio al Teatro Sociale di Luino. Ad essere portato in scena sarà lo spettacolo “Greatest love – Ora basta decido io”, una rappresentazione che attraverso ritmo, vibrazioni, passi di danza, spaccati canori e parentesi di recitazione, lascerà emergere una profonda riflessione su una tematica tristemente e tremendamente attuale: il bullismo. Una piaga con la quale, purtroppo, in troppi si sono trovati a fare i conti e che, oggi come ieri, continua ad inibire la piena realizzazione dei giovani, soprattutto in ambito artistico.

Ad essere narrato, attraverso coreografie di danza, intermezzi canori e dialoghi, sarà il complesso percorso di crescita personale ed artistica di Daniel, un bambino con la passione per la danza che si trova a dover combattere contro la ristretta mentalità del paesino nel quale è nato. “Ho accettato di collaborare alla realizzazione di questo spettacolo, oltre che per il potenziale che vedo nella realtà che Barbara è riuscita a creare, anche perché il tema che si è scelto di affrontare è qualcosa che conosco molto da vicino, avendolo vissuto sulla mia pelle – racconta l’artista e baritono di fama internazionale Daniele Piscopo -. La semplice scelta di un’attività o una passione ‘differente’, che si discosti rispetto a quelle privilegiate dai più, oggi come allora, diviene motivo di scherno ed esclusione. Ciò è vero soprattutto all’interno di piccole realtà di provincia come quelle dove Barbara si trova a lavorare ed io stesso sono cresciuto. La banale scelta di frequentare un corso di canto o intraprendere un percorso artistico, da parte di un bambino, diviene motivo sufficiente per essere etichettato come ‘il diverso’. Persino superfluo spiegare, poi, come, la becera ignoranza riesca a sviluppare atteggiamenti omofobi di fronte ad un’innata sensibilità artistica. Ciò inibisce al punto che molti ragazzi e bambini talentuosi potrebbero non veder mai emergere il loro potenziale artistico e questa è una grande perdita da molteplici punti di vista. Io stesso, probabilmente, avrei iniziato a coltivare prima la mia passione per l’arte in generale e per il canto, in particolare”

“In questo senso mettere le proprie energie per far passare questo messaggio diventa fondamentale – prosegue Daniele -. Ciò è vero tanto per i talentuosi ballerini della Max Dance, quanto per ogni ragazzo che oggi si sente bloccato da pregiudizi, figli della più imbarazzante superficialità. Da qui la scelta di scrivere la sceneggiatura e curare la regia dello spettacolo con la consapevolezza di oggi e gli occhi di allora, senza rinunciare a mettere dentro qualcosa di mio. Infine, nonostante il tema abbia a nostro modo di vedere una grande rilevanza, abbiamo scelto di trattarlo con leggerezza, utilizzando il linguaggio dei ragazzi per renderlo immediatamente comprensibile. Il punto di vista è quello di un ragazzo dell’oggi incastrato in una società nella quale, complice la tecnologia, l’apparire sembra contare più dell’essere: una concezione ristretta, artificiale e terrificante nella quale non esiste spazio per l’imperfezione”.

Intervista di ALESSIA PASTORE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Venerdì al Teatro Sociale di Luino “Greatest love”. Può il bullismo inibire i sogni?

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti è piaciuto? condividi questa pagina!